Il Decreto Agosto, in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, tra le altre cose, ha l’intento di alleggerire il carico derivante dai versamenti sospesi durante il lockdown, ridefinendo il calendario fiscale relativo a tali oneri, che i contribuenti avrebbero dovuto fronteggiare in questa fase finale dell’anno.

Un anno estremamente problematico il 2020, che ha stravolto completamente l’assetto dell’economia italiana. Se la crisi pandemica nel nostro paese, dal punto di vista sanitario sembra alleggerita, è molto sentito il timore di una ripresa della contagiosità del virus e le conseguenti ulteriori ripercussioni gravanti sull’economia nostrana.

Ci voleva proprio un decreto che alleggerisse il carico fiscale per gli italiani, di contro però l’articolata gestione dei pagamenti potrebbe rivelarsi un insidioso rovescio della medaglia.

 

NUOVE SCADENZE 

Il nuovo calendario fiscale ridefinisce quindi le scadenze per i versamenti sospesi durante il lockdown

Si tratta delle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e sui redditi assimilati, Iva, contributi previdenziali e assistenziali, premi per l’assicurazione obbligatoria ecc.

 

I pagamenti potranno essere eseguiti, senza sanzioni e interessi

- per un importo pari al 50% delle somme oggetto di sospensione:

in unica soluzione entro il 16 settembre 2020

o mediante rateazione, fino a un massimo di 4 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 settembre 2020

- il restante 50% del dovuto può essere eseguito, sempre senza sanzioni e interessi, mediante rateazione, fino a un massimo di 24 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 gennaio 2021.

 

Per questo meccanismo “a doppio binario” è indispensabile la corretta individuazione degli importi da pagare, per elaborare l’esatta ripartizione per i due scaglioni di pagamento, evitando future contestazioni da parte dell’Agenzia delle Entrate

Si precisa che il Decreto potrebbe subire delle modifiche e/o integrazioni in fase di conversione.

 

I CONTRIBUENTI INTERESSATI

Imprese turistico-ricettive, agenzie di viaggio e turismo, tour operator, federazioni sportive nazionali, società sportive, professionistiche e dilettantistiche, soggetti che gestiscono stadi, impianti sportivi, palestre, ricevitorie del lotto, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, bar e pub, aziende termali, Onlus e altri soggetti

Contribuenti esercenti impresa, arte o professione con ricavi o compensi non superiori a 2milioni di euro

I contribuenti esercenti impresa, arte o professione, che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nelle Province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi e Piacenza (a prescindere dal volume d’affari).

I contribuenti con ricavi o compensi non superiori a 400mila euro.

 

Per molti imprenditori questo decreto significa ricevere una boccata d’aria in un mare di debiti e difficoltà.

Il ruolo del consulente diviene strategico: gestire compiutamente un’articolata ripartizione degli oneri sospesi, in modo da eludere il rischio di sanzioni e interessi futuri da parte dell'Agenzia delle Entrate.

 

 

0
0
0
s2sdefault

lavoraconnoi2

Notizie

WEBINAR SU TERZO SETTORE E SUL RAPPORTO CONTROVERSO TRA CDL E PA

WEBINAR SU TERZO SETTORE E SUL RAPPORTO CONTROVERSO TRA CDL E PA

Webinar 30 settembre 2021 dalle ore 10.00 alle 12.00il Dot ...

GREEN PASS NUOVI OBBLIGHI SUI LUOGHI DI LAVORO

GREEN PASS NUOVI OBBLIGHI SUI LUOGHI DI LAVORO

Secondo quanto previsto dal decreto legge approvato dal Co ...

INFORMATIVA SUL BLOCCO LICENZIAMENTI

INFORMATIVA SUL BLOCCO LICENZIAMENTI

La conversione in legge del decreto Sostegni ha previsto l ...

CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LE ATTIVITÀ DEL CENTRO STORICO

CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LE ATTIVITÀ DEL CENTRO STORICO

  Dallo scorso 18 novembre è possibile ino ...

Questo sito o i servizi terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita' illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Non hai consentito l'uso dei cookies. Clicca per modificare.

Hai accettato l'utilizzo di cookies sul tuo computer. La decisione puo' essere revocata.